la festa dei semplici – Carnevale di Alessandria del Carretto

25,00

52 pagine
17 x 24 cm
stampa digitale: interni a colori + copertina pantone
carta interni Freelife Vellum 120 gr / copertina Materica Acqua 180 gr
rilegatura punto singer

per le prime 25 copie
serigrafia su tessuto con illlustrazione di Sarah Mazzetti
in edizione limitata

Disponibile

Categoria:

Descrizione

 

“Nei mesi invernali, quando calavano le tenebre, il villaggio era avvolto da un silenzio inquietante. La neve copriva porte e finestre, i paesani desideravano che il cupo inverno finisse, che venisse la “febbre alla terra” e ai primi tiepidi raggi di sole tutto cominciasse a fremere e rianimarsi.”

Fotografie, illustrazioni, racconti e suoni che rievocano un rito collettivo di un piccolo paese calabro, Alessandria del Carretto immortalato nel 1959 da Vittorio De Seta con il documentario “I dimenticati”. De Seta esordisce con “Esistono ancora in Calabria paesi senza strada come Alessandria del Carretto in provincia di Cosenza. Per raggiungerla bisogna percorrere quindici chilometri a piedi.”

La descrizione più semplice di una distanza, di una lontananza che oggi, come allora, il rigido inverno impone in un piccolo paese alle pendici del Pollino. Il Carnevale da queste parti, non è un capro espiatorio, un fantoccio da bruciare o un uomo grasso e pieno di vizi da processare: è una lotta.
Tutte le domeniche tra la candelora e martedì grasso, il paese è animato dalla messa in scena di uno scontro tra Pulcinella “belli” e Pulcinella “brutti”: una vera e propria battaglia rituale tra la primavera e l’inverno, tra il giorno e la notte, tra il bene e il male, forse ciò che rimane delle antiche lotte combattute da pastori e contadini contro streghe e demoni.
La messa in scena dei “belli” e dei “brutti” era dunque un rito di passaggio stagionale volto ad assicurare la rinascita della vegetazione dopo il lungo e torpido inverno; un cerimoniale di buon auspicio per accogliere il nuovo ciclo dell’anno, un espediente per superare simbolicamente patimenti e difficoltà che i mesi freddi imponevano alla comunità.

E anche “La festa dei semplici” torna come un’ulteriore rito, arrivata con un terzo carnevale, per il terzo anno, per quest’anno la collana unisce la ricerca fotografica di Francesco Buccarelli alle bellissime illustrazioni di Sarah Mazzetti, una delle quali è serigrafata in edizione limitata, disponibile solo in 25 copie.

 

Un progetto di ZicZic edizioni e Atelier Bizzarro

Fotografie di Francesco Buccarelli
Illustrazioni di Sarah Mazzetti
Testi a cura di Silvia Tarantini
Graphic design di Lilia Angela Cavallo e Silvia Tarantini, ZicZic

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 21 × 4 × 29 cm

Ti potrebbe interessare…

la festa dei semplici – Carnevale di Teana
la festa dei semplici – Carnevale di Teana
fanzine+poster   56 pagine 17 x 24 cm stampa digitale: interni a colori + copertina pantone carta interni Freelife Vellum 120 gr / copertina Materica Terra Rossa 180 gr 150 copie numerate inserto illustrato 12 pagine 11x11 cm stampa digitale in bianco e nero carta usomano kraft 100 gr rilegatura punto singer isbn 978-88-31434-06-5  
25,00
Aggiungi al carrello
Offerta!
la festa dei semplici – doppio carnevale lucano
la festa dei semplici – doppio carnevale lucano
Aliano 56 pagine 17 x 24 cm stampa digitale: interni a colori + copertina pantone carta interni Freelife Vellum 120 gr / copertina Materica Terra Rossa 180 gr prima ristampa   Teana fanzine+poster 56 pagine 17 x 24 cm stampa digitale: interni a colori + copertina pantone carta interni Freelife Vellum 120 gr / copertina Materica Verdigris 180 gr edizione limitata 150 copie numerate
50,00 45,00
Aggiungi al carrello
Monoporzioni / poster – Noemi Vola
Monoporzioni / poster – Noemi Vola
50 x 70 cm Serigrafia 2 colori Carta Diva argento 250 gr
40,00
Aggiungi al carrello
Hic sunt leones
Hic sunt leones
30 x 40 cm Caratteri mobili, colore nero carta Cyclus Offset 140 gr
15,00
Aggiungi al carrello